.

.

.

el sabroso oficio / del dulce mirar GóngoraWie schwer es ist, die Schönheit zu begreifen! Günter Eich

miércoles, 11 de diciembre de 2013

Unas citas de 'El cartero (y Pablo Neruda)'



El cartero (y Pablo Neruda), de Michel Radford (título original, Il postino, 1994)


Mario e la sua prima metafora

Troisi: "Mi so' sentito come una barca sbattuta in mezzo a tutte queste parole."
Neruda: "Come una barca sbattuta dalle mie parole. Tu lo sai cosa hai fatto, Mario?"
Troisi: "No, che ho fatto?"
Neruda: "Una metafora."
Troisi: "No..."
Neruda: "Sì."
Troisi: "No...ma veramente?"
Neruda: "Sì."
Troisi: "Vabbè però non vale perché non la volevo fare."
Neruda: "Volere non è importante perché le immagini nascono casuali."
Troisi: "Cioè voi che volete dire allora, che il mondo intero no? il mondo intero proprio...dico col mare, col cielo, con la pioggia, le nuvole..."
Neruda: "Ora tu puoi già dire eccetera eccetera..."
Troisi: "Eh, eccetera eccetera...cioè il mondo intero allora è la metafora di qualcosa?"
Neruda: .........
Troisi: "Ho detto una stronzata..."
Neruda: "No, per niente..."


Mario innamorato


Troisi: "Devo parlare con voi don Pablo, è importantissimo. Mi sono innamorato."
Neruda: "Bene, non è molto grave. C'è rimedio."
Troisi: "No! Che rimedio, don Pablo...non voglio rimedio, io voglio stare malato."

Y otra cita más:

Troisi: "La poesia non è di chi la scrive, è di chi gli serve."



(Fuente: libero.it)